NON SONO TROPPO POCHE LE ORE DI LEZIONE MENSILI PREVISTE NEI VARI CORSI? La didattica LIZARD è diventata famosa proprio per la sua essenzialità e per la capacità di far progredire gli allievi in modo sorprendente con un numero di lezioni assai minore rispetto alle scuole tradizionali. Ciò è dovuto essenzialmente a quattro fattori: • Il materiale didattico (spartiti, schemi, intavolature, CD didattici) è tutto già predisposto; l'insegnante non perde tempo a prepararlo durante la lezione. Inoltre, se l'allievo non legge ancora la musica, può già imparare studiando sulle intavolature. • I libri di testo LIZARD BMG RICORDI (in particolare quelli di teoria) sono talmente chiari ed esaurienti che l'insegnante non perde tempo, durante la lezione, per spiegare argomenti che possono comodamente essere letti sui libri di testo; si limiterà, eventualmente, a chiarire i dubbi che l'allievo, dopo la lettura del libro, può ancora avere. • I programmi LIZARD sono personalizzati in base alle esigenze e alle ambizioni dell'allievo; ciò permette di togliere dal programma (o ridurre all'essenziale) tutto ciò che risulterebbe superfluo, inutile o addirittura dannoso in funzione degli scopi che l'allievo si è prefisso. • La didattica LIZARD è volutamente poco "invasiva"; vuole cioè che l'allievo rimanga sempre un po' autodidatta; solo così egli sviluppa la sua personalità e non corre il rischio di diventare la copia del suo insegnante. In conclusione: le lezioni sono poche (ma sufficienti) perché la didattica è efficiente, la scuola è organizzata, i programmi sono personalizzati. Tutto questo si trasforma in un vantaggio per l'allievo: spende meno e non spreca tempo ed energie. Inutile aggiungere che aumentare il numero delle lezioni, obbligare a una frequenza serrata, imporre programmi "ciclopici" obbligatori per tutti darebbe un indiscutibile vantaggio economico a una scuola che si preoccupasse solo dei suoi interessi. Ma la LIZARD (e questa ne è una prova) pone sempre in primo piano gli interessi degli allievi e, ovviamente, il prestigio che ad essa deriva dal loro successo e dal giudizio che essi daranno della loro scuola. Per chi vuole accelerare i tempi e sa di avere molto tempo per studiare sono tuttavia previsti anche Corsi Intensivi. LE SCUOLE LIZARD SONO SOLO SCUOLE PER PROFESSIONISTI O ANCHE PER DILETTANTI? Sei tu che devi comunicare al tuo insegnante se hai l'ambizione di diventare un professionista o se sei solo un appassionato di musica che vuole divertirsi suonando, senza porsi obbiettivi professionali. Nella prima ipotesi l'insegnante ti darà una preparazione rigorosa e ti preparerà per sostenere tutti gli esami previsti; il suo scopo sarà quello di fare di te un professionista apprezzato e ammirato. Se invece non hai aspirazioni professionali il tuo insegnante farà in modo che tu impari divertendoti. Ti insegnerà a suonare brani con un alto rapporto resa/difficoltà (cioè brani efficaci e appassionanti ma tecnicamente non difficili) e ti consiglierà i dischi migliori da ascoltare, nel genere che ti è più congeniale, per incrementare la tua passione per la musica; potrai scegliere di non sostenere gli esami (ma in tal modo ti precluderai la possibilità di… convertirti strada facendo al professionismo), oppure fare i primi esami ponendoti per il momento come obbiettivo non il diploma ma la licenza di secondo o terzo livello. SONO DIFFICILI GLI ESAMI? Gli esami di primo e secondo livello sono abbastanza semplici. Quando il tuo insegnante ti dice che sei pronto per l'esame puoi prenotarti senza ansie o paure: il tuo insegnante garantisce per te che hai fatto i progressi richiesti. Se lui sa che soffri di problemi di emotività lo segnalerà alla commissione, che ne terrà conto. Dal terzo livello in poi gli esami diventano più difficili e selettivi. Per questo motivo all'esame di secondo livello (ammissione al terzo) sarà la commissione stessa a consigliarti se proseguire fiduciosamente gli studi oppure accontentarti della LICENZA LIZARD DI SECONDO LIVELLO ( che comunque è un buon traguardo e un attestato ben più importante e prestigioso di tanti diplomi rilasciati da scuole poco serie). CONSEGUIRE IL DIPLOMA LIZARD DA' BUONE GARANZIE DI RIUSCIRE A TROVAR LAVORO NEL CAMPO DELLA MUSICA? Una volta l'anno tutti gli insegnanti e direttori LIZARD si riuniscono a Fiesole per fare un bilancio dell'anno scolastico precedente e programmare il successivo. Per una tradizione quasi "rituale" la prima domanda che il direttore generale pone ogni anno a tutti i direttori e gli insegnanti riguarda i diplomati dell'anno precedente: sono tutti riusciti a trovare un lavoro all'altezza delle loro qualità e delle aspettative che gli avevamo coltivato? Se anche per uno solo di loro la risposta è negativa la LIZARD innanzitutto si attiva per trovare a quel diplomato un lavoro come turnista o come insegnante, oppure una collaborazione editoriale. In secondo luogo tutti alla LIZARD sanno di dover "correre ai ripari", affinché questo non succeda ancora con altri diplomati; nessuna aspettativa dell'allievo, infatti, deve rimanere delusa se i suoi stessi insegnanti, incoraggiandolo a diplomarsi, lo hanno spinto a coltivarla. Ogni insegnante LIZARD sa che non può giustificarsi con il fatto che il lavoro "musicale" è sempre più raro e difficile; in un settore in cui il lavoro scarseggia ci sarà posto, infatti, solo per i migliori; e per la LIZARD i migliori non possono che essere i suoi allievi diplomati. Se non lo sono (o non lo sono abbastanza) la colpa è in primo luogo della scuola, degli insegnanti e dei programmi; per questo è importante la LIZARD, ogni volta che è necessario, affronti e risolva il problema, affinché i diplomati LIZARD siano sempre tra quei "migliori" che, anche in un mondo musicale difficile, riescono a lavorare e a farsi apprezzare da tutti. Questa "filosofia" didattica è la migliore garanzia, per gli allievi che hanno ambizioni professionali, che non stanno sprecando tempo e denaro in una scuola che si disinteressa del loro futuro comportandosi come se esso non stesse, principalmente, proprio nelle sue mani. SE MANCHERO' AD UNA LEZIONE POTRO' RECUPERARLA SENZA PAGARE DI NUOVO? In linea generale la risposta è NO. Devi infatti pensare che alla LIZARD non solo gli allievi, ma anche gli insegnanti vengono quasi sempre da lontano e devono fare lunghi o lunghissimi viaggi per insegnare alla LIZARD. Ciò dipende dal fatto che la LIZARD cerca gli insegnanti migliori ovunque si trovino; ed essi, pur di insegnare alla LIZARD sono disposti ad affrontare ogni volta, se necessario, un lungo viaggio. E' chiaro che la scuola deve però garantire loro una giornata piena di lezioni e, se l'allievo è assente, essa deve impegnarsi a pagarli comunque. Per questo la tua assenza, anche se giustificata, mette in crisi la scuola ed essa deve, necessariamente, essere molto rigida sull'obbligo di frequenza; metti perciò in conto la possibilità che tu, ogni tanto, debba pagare “a vuoto" una lezione prenotata a cui non ti sei presentato, e questo anche nel caso in cui la tua assenza sia del tutto giustificata (indisposizione, guasto alla macchina, ritardo o sciopero dei treni…) e tu abbia preavvisato la segreteria. Tuttavia, appena tu sai di non poter venire ad una lezione, avverti prontamente la segreteria. Ogni segretaria LIZARD sa infatti che deve fare tutto il possibile per non farti perdere la lezione; proverà a spostare altri allievi per "riempire" la tua assenza e se ci riuscirà la lezione non ti verrà addebitata. Prima avvertirai, perciò, e più possibilità avrai che ciò avvenga. Nel caso di lunghe assenze (più mesi) giustificate, puoi invece chiedere preventivamente l'applicazione della FORMULA DI GARANZIA che prevede il rilascio di un BUONO che ti consentirà di interrompere il corso e riprendere poi le lezioni entro un anno di tempo.. QUANTO TEMPO MI OCCORRERA' PER ARRIVARE AL DIPLOMA LIZARD O A UNA LICENZA DI LIVELLO? Impossibile stabilirlo prima di aver constatato quali sono le tue capacità, il tempo che puoi dedicare allo studio, la velocità con cui riesci a progredire. Dopo tre o quattro lezioni puoi però fare questa domanda al tuo insegnante che sarà, a quel punto, in grado di darti una risposta almeno orientativa. Se hai deciso, prima di iscriverti, di fare le 4 o 5 lezioni di prova, formula chiaramente questa domanda all'insegnante al termine del ciclo delle lezioni di prova, in modo da avere un elemento in più per decidere se iscriverti o no. POICHE' NON SONO UN PRINCIPIANTE POSSO CHIEDERE DI ESSERE DIRETTAMENTE AMMESSO ALL'ESAME DI SECONDO O TERZO LIVELLO? Puoi senz'altro farlo ma ti consigliamo di chiedere, dopo le prime lezioni, il parere del tuo insegnante; sarà lui stesso a consigliarti di fare l'esame di ammissione al livello che ritiene più adatto a te; se sarà ancora incerto sul tuo effettivo livello ti consiglierà di fare un ESAME DI AMMISSIONE APERTA; ciò significa che sarà la Commissione d'esame a stabilire a quale livello di studi puoi essere ammesso. L'ammissione al secondo livello di studio viene concessa abbastanza frequentemente quando l'insegnante sia d'accordo. Tieni invece presente che l'ammissione ai livelli di studio superiori al secondo è piuttosto rara e presuppone una preparazione senza incertezze e senza lacune. In caso di dubbio la commissione preferisce dare l'ammissione al secondo livello ma, eventualmente, autorizzare l'allievo a presentarsi dopo soli sei o otto mesi per l'esame del livello successivo. E'OBBLIGATORIO FARE GLI ESAMI? Gli esami sono obbligatori solo se vuoi avere gli ATTESTATI LIZARD dei quattro livelli di studio e se aspiri al DIPLOMA LIZARD. In ogni caso, quando il tuo insegnante riterrà che tu sia in grado di sostenere un esame te lo segnalerà e lo annoterà sul tuo libretto didattico. Se deciderai di fare l'esame potrai, da quel momento in poi, prenotarti in segreteria; se invece rinunci all'esame (e al relativo ATTESTATO) tieni presente che ti precludi la possibilità di farne altri; in altre parole non puoi "saltare" un esame e poi chiedere di fare quello successivo. MOLTE COSE GIA' LE CONOSCO E GIA' LE SO FARE. DOVRO' RIPETERLE COMUNQUE? Assolutamente no. Uno dei maggiori vantaggi delle lezioni individuali sta proprio nel fatto che l'insegnante constata ciò che lo studente già sa, e lo salta a piè pari. Delle cose che non sai (o non hai abbastanza approfondito) egli deciderà insieme a te quali ti sarà utile imparare in funzione delle tue ambizioni e dei tuoi gusti personali. Se poi deciderai di fare gli esami l'insegnante si adeguerà al programma LIZARD, sempre però cercando, nei limiti del ragionevole, di assecondare le tue aspirazioni e i tuoi gusti musicali. POTRO' SCEGLIERE L'INSEGNANTE O DOVRO' ACCETTARE QUELLO PROPOSTOMI DALLA SCUOLA? Se vuoi un insegnante specifico potrai senz'altro chiedere di prendere lezioni direttamente da lui. Se invece non hai preferenze affìdati senza incertezze alla segreteria che ti consiglierà, con cognizione di causa, l'insegnante più adatto alle tue esigenze e ai tuoi gusti musicali; tieni presente che tutti gli insegnanti LIZARD sono selezionati e addestrati col massimo rigore e non esistono insegnanti LIZARD di serie B. Inoltre, nel consigliarti l'insegnante, la segretaria sa di dover mettere sempre il tuo interesse in primo piano. Nel caso in cui tu chieda un insegnante specifico può darsi che ci sia una lista di attesa (di solito tutti scelgono i nomi più famosi o più conosciuti per la loro attività concertistica): in tal caso hai due scelte possibili: 1) Metterti nella lista di attesa di quell'insegnante ed aspettare che venga il tuo turno. La segretaria di dirà approssimativamente, quanto prevede che dovrai aspettare. 2) Accettare un insegnante diverso, proposto dalla segretaria, altrettanto preparato e specializzato nello stesso genere musicale dell'insegnante da te richiesto. Se accetterai l'insegnante che ti viene proposto dalla segreteria, sappi che, dopo le prime cinque lezioni, se non sarai soddisfatto, potrai cambiare idea e decidere di interrompere le lezioni in attesa che si liberi un posto con l'insegnante che avevi inizialmente richiesto. Infine tieni presente che in alcune scuole Lizard non è concesso scegliere l’insegnante, per non penalizzare i “didatti puri” cioè quegli insegnanti che, per autentica vocazione all’insegnamento, si sono sempre dedicati ad esso, trascurando la loro carriera concertistica e quindi rinunciando alla “notorieta” che gliene sarebbe derivata.
ALTRE INFORMAZIONI?